Dorina Frati

mandolino

Considerata fra i più grandi virtuosi del panorama mandolinistico internazionale, ha compiuto gli studi musicali con il M° Giuseppe Anedda diplomandosi , prima in Italia , presso il Conservatorio “C. Pollini” di Padova.

Svolge un’intensa attività concertistica in formazioni cameristiche,  collabora stabilmente con l’Orchestra Filarmonica della Scala e con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia,

Invitata dal M°Riccardo Muti è stata ospite della Bayerischer Rundfunk Simphonieorchester di Monaco. Con la stessa orchestra, diretta dal M° Lorin Maazel ha inciso  “Das lied von der erde” di Gustav Mahler; sempre su invito del Maestro Muti ha suonato con i Wiener Philharmoniker a Vienna, Berlino, Klagenfurt e Ravenna.

Con i Solisti Veneti diretti da C. Scimone ha suonato in sale prestigiose :

Bunka Kaikan (Tokyo), Teatro Colon (Buenos Aires), Sala Nervi (Vaticano), Herkulessaal (Monaco), Victoria Hall (Ginevra), Avery Fisher Hall (New York), Palau de la Musica Catalana (Barcellona), Beijing Concert Hall, Festspielhaus (Salisburgo), Musikverein (Vienna).

Ha partecipato a tournée e festival in Scozia, Cina, Finlandia, Grecia, Stati Uniti, Canada, Portogallo, Australia, Olanda, Venezuela, Brasile, Yugoslavia, Cecoslovacchia, Giappone.

Collabora dal 1987 con il Teatro alla Scala di Milano, E’ stata diretta da  R Muti, D.Barenboim, A.Pappano, L. Maazel, C. Kleiber, C.M. Giulini, G. Sinopoli, R.Chailly.

Con R. Muti, D.Barenboim, A.Pappano, Z. Mehta, D. Gatti, R. Chailly, G.Noseda ha suonato negli allestimenti del “Don Giovanni” di W. A. Mozart.

E’ spesso ospite di trasmissioni radiofoniche e televisive.

Tra le numerose incisioni discografiche si segnalano i Concerti per Mandolino di A. Vivaldi e A. M. Giuliani (Erato), l’Opera Omnia per Mandolino di J. N. Hummel, i Concerti napoletani per mandolino, le Sonate per Mandola di G. G. Boni (Tactus); in duo con il clavicembalista Daniele Roi la raccolta “Domenico Scarlatti ed il Mandolino nelle capitali europee” ed in duo con la chitarrista Piera Dadomo le trascrizioni per mandolino e chitarra di J.S.Bach (Dynamic); con l’Orchestra Filarmonica della Scala ha collaborato con Sony (Musiche da Film di N. Rota) ed Emi (Otello); con il Pavarotti International ha inciso per Decca; ha inciso inoltre per Stradivarius, Agorà e Ducale.

Dirige l’Orchestra a plettro del Centro Musicale del Villaggio Sereno di Brescia, con la quale ha conseguito nel 1989 il 1° premio al Concorso Internazionale di Kerkrade (Olanda), e nel 1997 il 1° premio assoluto al Concorso Internazionale di Ala (Trento).

E’ stata interprete di diverse prime esecuzioni mondiali tra cui ricordiamo il Concerto per mandolino, chitarra e Orchestra da Camera “Fiori di Novembre” di A. Gilardino e il brano per tre Attori recitanti e Orchestra a Plettro “L’Isola dell’Amore” del compositore svizzero F. Hoch, quest’ultimo a lei dedicato.

E’ docente di Mandolino presso il Conservatorio ”L.Marenzio” di Brescia  e  tiene seminari di interpretazione per enti e associazioni musicali.