Quando la musica riscalda il cuore
Continua senza interruzioni il successo del Gubbio Summer Festival

Come era facilmente prevedibile, continua senza interruzioni il grande successo del famoso Gubbio Summer Festival: è ormai da molti giorni che incredibili musicisti e incantevoli melodie ci allietano durante queste calde serate eugubine. Così come si era aperta, anche questa settimana si è conclusa sotto gli applausi di un pubblico estasiato, grazie ai meravigliosi programmi di sala che gli esecutori hanno voluto proporci: basta ricordare la serata di giovedì 25, presso il complesso S. Pietro, in cui il pianista F. Wasser ha dato prova di tutta la sua abilità esecutiva dal tocco teutonico possente e da un virtuosismo ineccepibile; stupendi i brani presentati, fra cui numerosi Studi e Notturni di Chopin e alcuni dei 24 Prèludes (Preludi) di Debussy, alternando sapientemente tecnica ed espressività in ciascun pezzo. Venerdì 26, presso la chiesa di S. Francesco a Costacciaro, è stata la volta di alcuni fra i migliori allievi del corso di flauto della professoressa G. Marta che, insieme ai bravissimi violinisti F. Ceppetelli e S. Delle Donne, hanno regalato al pubblico una piacevolissima serata. Sabato 27 è stata una giornata ricca di appuntamenti: alle 19, pressola Sala del refettorio del complesso S. Pietro è stato presentato, dalla musicologa P. Ciarlantini, il volume dal titolo “Wagner: la poetica del puro umano” scritto dal professor R. Cresti: musicologo e critico musicale di fama internazionale, Cresti ha tenuto una magnifica conferenza sul compositore tedesco; dopo aver dedicato tutta una vita di studio a Wagner e dopo 30 anni in cui in Italia non è stata più pubblicata una monografia sul compositore, Cresti ha rotto il silenzio, pubblicando un’opera interessantissima che è già stata tradotta anche in inglese. Alle 21,15 invece si è svolto il consueto concerto serale per pianoforte a quattro mani tenuto dai maestri A. Taglieri e R. Genitoni: uniti nella musica così come nella vita, questo duo ha sempre ricevuto grandi lodi dalla critica, soprattutto per il forte slancio passionale e il grande affiatamento, mostrando un’incredibile capacità tecnica nell’esecuzione di tutti i brani. Si conclude la settimana con un concerto dedicato al sax: domenica 28 luglio è stato il duo Disecheis, formato dal sassofonista D. Brutti e dal pianista F. Farinelli, ad esibirsi ancora una volta presso il complesso S. Pietro: recentemente vincitori dell’VIII Premio città di Roma, il duo ha curato le prime esecuzioni di circa 30 opere originali e ha riscosso un grande successo anche al Gubbio Summer Festival proprio per l’innovazione apportata al linguaggio musicale del XX secolo e alla musica da camera contemporanea. Non resta che attendere l’inizio della nuova settimana per continuare a sognare sotto il cielo stellato di Gubbio.

Addetta stampa – Eleonora Cosci   

Categorie